L’accordo sulla causa YETI-RTIC è una vittoria per YETI e i consumatori di John Litzler

L’accordo sulla causa YETI-RTIC è una vittoria per YETI e i consumatori di John Litzler

Il mese scorso sono andato in un negozio di articoli sportivi Academy per comprare un lowball rambler YETI come regalo per un amico. Ero stato ad Academy diverse volte nell’ultimo anno e sapevo bene dove il negozio teneva la sua grande esposizione di prodotti YETI. Quando sono entrato nel negozio questa volta, però, l’esposizione era completamente diversa. La stessa vetrina era ora piena di bicchieri prodotti da Boelter Brands. Mi sono ritrovato a camminare fino al lato più lontano del negozio oltre a diverse esposizioni di diverse marche di tumbler prima di scoprire il nuovo display YETI.

YETI, fondata dai fratelli Ryan e Roy Sieders nel 2006, vende refrigeratori e bevande di fascia alta. I consumatori target dell’azienda sono avidi uomini e donne all’aperto che hanno bisogno che il ghiaccio nelle loro borse frigo rimanga congelato durante una battuta di pesca di tutto il giorno o in un viaggio di campeggio di più giorni. Come azienda, YETI è passata con successo dalla vendita di prodotti alla vendita di uno stile di vita. Ma un gran numero di consumatori vuole godersi lo stile di vita YETI ad una frazione del prezzo.

È questa versione più economica dello stile di vita YETI che crea un problema per l’azienda di Austin che ha annunciato i suoi piani per rendere pubblica la società la scorsa estate. Come ho visto in prima persona durante la mia escursione di shopping, YETI affronta la concorrenza di un numero crescente di aziende che stanno cercando di ottenere un pezzo del mercato delle borse frigo e delle bevande all’aperto. YETI è consapevole della minaccia che questi imitatori rappresentano per il suo business. Nel 2015, prima di annunciare i suoi piani per una IPO (Offerta Pubblica Iniziale), YETI ha intentato cause contro Wal-Mart, Polar Pad, e RTIC per violazione di brevetti e marchi. Quando YETI ha presentato i suoi documenti per l’IPO lo scorso luglio, aveva 26 brevetti approvati e altri 313 brevetti in sospeso con l’USPTO. Nelle cause, YETI ha sostenuto che queste altre aziende stavano imitando i prodotti YETI in un modo che violava i diritti di proprietà intellettuale dell’azienda.

All’inizio di questo mese, YETI ha risolto la sua causa con RTIC, forse il suo più grande concorrente. Mentre i dettagli dell’accordo rimangono riservati, l’accordo sembra essere una grande vittoria per YETI. RTIC ha accettato di fermare tutte le vendite dei prodotti oggetto della causa entro il 1° maggio. YETI ha fatto causa per i design di RTIC di borse frigo rigide, borse frigo morbide e articoli per bevande. RTIC ha riprogettato tutti questi prodotti in un modo che non copia i prodotti di YETI. Questo significa che ci sarà un emulatore in meno dei prodotti YETI quando l’azienda sarà quotata in borsa. Inoltre, RTIC ha accettato di pagare una compensazione finanziaria a YETI. Anche se RTIC non ha ammesso alcun illecito, il pagamento finanziario probabilmente compenserà YETI per le vendite perse a causa dei prodotti in violazione di RTIC.

L’accordo è una vittoria anche per i consumatori. Quando le aziende imitano semplicemente i prodotti l’una dell’altra, l’innovazione cessa e i prodotti non migliorano. La legge sulla proprietà intellettuale promuove la concorrenza tra le imprese. Quando la concorrenza aumenta, l’innovazione porta a prodotti nuovi e migliori per i consumatori. RTIC ha già rilasciato nuovi disegni per i suoi prodotti. Speriamo che la competizione tra YETI e RTIC si traduca in nuovi fantastici refrigeratori e bevande per i consumatori. C’è anche un beneficio più immediato per i consumatori. Per quelli che cercano un prodotto tipo YETI ad un prezzo più economico, RTIC sta offrendo sconti sui prodotti che sta eliminando. RTIC non produrrà più nessuno di questi prodotti che violano la legge, quindi la vendita è solo fino a esaurimento scorte da ora al 1 maggio.

John Litzler dirige la divisione di diritto ecclesiastico di Christian Unity Ministries a San Antonio. Si è laureato all’Università del Texas e alla Baylor Law school. È un membro della classe SSHS del 2004.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *