Mal di denti persistente – È un legamento slogato?

Mal di denti persistente – È un legamento slogato?

Fortunatamente per quelli di noi che hanno avuto un mal di denti persistente, il sollievo segue tipicamente una visita dal dentista. Che sia stata necessaria un’otturazione, una corona (tappo) o una terapia canalare, la riduzione del dolore è comune entro 24-48 ore. Ma quando un mal di denti non va via nonostante il fatto che la polpa del dente sia sana in base all’esame e all’indagine radiografica, che ci crediate o no, potrebbe essere dovuto a una distorsione del legamento.

Per capire come un mal di denti possa essere il risultato di una distorsione del legamento, è essenziale una rapida revisione dell’anatomia del dente:

Ogni dente in bocca è ancorato all’osso in cui si trova da una struttura chiamata legamento parodontale o PDL. Questo legamento non è diverso da qualsiasi altro legamento nel corpo e, quando è sano, è responsabile del mantenimento del dente in una posizione stabile. Questo legamento, che è composto principalmente da acqua, agisce anche come un ammortizzatore. Il PDL pullula di terminazioni nervose, il che gli conferisce una grande capacità di guidare i nostri movimenti masticatori e di dire al cervello quanta forza esercitare in base alla consistenza del cibo in bocca.

Inoltre, il PDL è il “sistema GPS” della cavità orale ed è così fine nel suo funzionamento che può trovare una piccola lisca di pesce in mezzo a un boccone di cibo. Questa capacità aiuta a proteggere i denti e i tessuti molli circostanti da lesioni che potrebbero altrimenti verificarsi durante il normale funzionamento.

  • Il dolore ai denti è tipicamente il primo sintomo di una distorsione del PDL. I modi comuni in cui si verificano le distorsioni sono:
  • Mordere del cibo che è più duro del previsto
  • Impatto da un airbag in espansione
  • Trauma al mento che ha forzato i denti
  • Una collisione accidentale con un testa di un bambino
  • Chirurgia dentale o orale
  • Uso eccessivo nel corso della giornata, come mangiarsi le unghie o masticare una matita
  • Schiacciamento notturno dei denti (bruxismo)

Una volta distorti, questi legamenti possono richiedere un po’ di tempo per guarire semplicemente perché è difficile, se non impossibile, evitare di usare il dente o i denti coinvolti durante la masticazione, la parola, e anche a volte, la deglutizione. Con il tempo, se il PDL viene continuamente insultato, le piccole terminazioni nervose nel legamento si sensibilizzano (come quando ci si scotta al sole) e di conseguenza i livelli di dolore aumentano e spesso si diffondono al tessuto gengivale circostante e ai denti vicini. E, se i comportamenti di uso eccessivo di giorno continuano e/o il bruxismo nel sonno persiste, il dolore probabilmente continuerà.

Perché questo problema non è nella polpa del dente, o a causa della compromissione della struttura dura del dente, qualsiasi sforzo dentale per risolvere il problema probabilmente porterà ad un’esacerbazione ancora maggiore del dolore. Come tutti i legamenti, se si verifica una distorsione, il riposo e il supporto sono spesso necessari per la guarigione.

La chiave è quindi identificare il motivo per cui la distorsione si è verificata prima di pianificare il trattamento. Se è dovuta a un evento singolo e identificabile, il tempo è la migliore terapia perché la guarigione di solito avviene. Prendere un farmaco antinfiammatorio come Advil o Aleve per cinque-sette giorni può anche aiutare insieme ad evitare di masticare il dente doloroso. Se si sospetta che il serraggio notturno o il digrignamento dei denti sia la causa, allora l’uso di un apparecchio orale durante il sonno può essere il miglior rimedio.

A volte un trauma a un dente può causare un dolore ai legamenti che si prolunga e diventa cronico a causa delle terminazioni nervose che iniziano a sparare spontaneamente anche quando sono provocate dalle normali attività quotidiane come parlare, deglutire e mangiare anche cibi morbidi. Queste situazioni possono richiedere farmaci che lavorano per calmare le terminazioni nervose irritabili. La cosa più importante da ricordare è che questi problemi non sono risolti dalla terapia canalare e questa direzione di cura dovrebbe essere evitata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *