Sir Joseph Dalton Hooker

Sir Joseph Dalton Hooker

Sir Joseph Dalton Hooker (1817-1911)

Il secondo figlio di William Jackson Hooker e Maria Hooker, nèe Turner, Joseph Dalton Hooker è nato il 30 giugno 1817 a Halesworth, Suffolk. La passione di Hooker per le piante si accese presto – suo padre William fu nominato Regius Professor di Botanica all’Università di Glasgow nel 1820 e successivamente divenne il primo direttore ufficiale dei Royal Botanic Gardens, Kew nel 1865. Hooker iniziò a frequentare le lezioni di suo padre quando aveva solo sette anni. Ma non c’è dubbio che è stato attraverso una vita di studio dedicato, viaggi pionieristici, indagini scientifiche, scoperte botaniche e innovazione tassonomica che ha costruito la sua reputazione torreggiante come uomo di scienza, e come il principale botanico della sua epoca.

Hooker ha iniziato la sua carriera come chirurgo nella marina. Incapace di viaggiare come un naturalista gentiluomo con mezzi indipendenti come il suo idolo Charles Darwin, usò la sua qualifica medica per assicurarsi una nomina come assistente chirurgo sulla HMS Erebus per le spedizioni di Ross in Antartide (1839-1843). Usò poi questa opportunità per fare molta botanica nelle nazioni dell’Oceano del Sud, specialmente in Nuova Zelanda.

Hooker aveva il gusto di viaggiare e sembra aver capito che l’esplorazione era un modo per stabilire la sua reputazione e le sue credenziali scientifiche. Pochi anni dopo il ritorno dalla spedizione antartica, Hooker ottenne una sovvenzione governativa per viaggiare in India e sull’Himalaya (1847-1851). Fu il primo occidentale a mettere piede nelle più remote aree settentrionali dell’Himalaya, una volta vagando così lontano che si fece imprigionare dal Rajah di Sikkim per aver esplorato dove non avrebbe dovuto. In India raccolse circa 7.000 specie di piante, tra cui 25 nuove specie di rododendri che contribuirono a creare una mania tra i giardinieri britannici.

Hooker era più di un semplice collezionista di piante, era un interrogatore del mondo naturale, osservando acutamente le terre in cui viaggiava in modo da poter descrivere, classificare e capire ciò che era intorno a lui. Questa combinazione di raccolta di piante e interpretazione dei dati raccolti ha fatto guadagnare a Hooker una reputazione globale come esperto nella distribuzione delle piante. Per esempio, in India cercò nella botanica e nella geologia delle montagne più alte del mondo le prove che avrebbero supportato la teoria di Darwin Sull’origine delle specie, che sarà pubblicata notoriamente nel 1859.

Le pubblicazioni di Hooker furono numerose: resoconti della botanica dei paesi che esplorò; i rododendri dell’Himalaya del Sikkim, splendidamente illustrati; le fioriture coloniali della Nuova Zelanda e dell’India britannica; e diversi dotti e importanti articoli sulla relazione tra la flora americana e quella asiatica, suggeriti dal suo tour delle Montagne Rocciose. Avrebbe anche usato le sue collezioni e quelle di altri per compilare una flora mondiale. Il Genera Plantarum, preparato con il co-autore George Bentham durante più di 25 anni, fu finalmente pubblicato nel 1883 ed è stato chiamato il lavoro botanico più importante del secolo. Descrive oltre 7.500 generi e quasi 100.000 specie e stabilisce il modello Bentham-Hooker per la classificazione delle piante.

Nel 1855, Hooker fu nominato assistente del direttore del Royal Botanic Gardens Kew, seguendo poi le orme del padre come direttore (1865-1885). Sotto Hooker, il ruolo imperiale di Kew continuò ad espandersi ed egli favorì la funzione dei Giardini come istituzione scientifica, espandendo le collezioni dell’erbario e supervisionando la costruzione del primo Laboratorio Jodrell. Hooker stesso continuò a viaggiare facendo viaggi botanici in Marocco e negli Stati Uniti d’America. In quest’ultima spedizione nel 1877 coprì 8.000 miglia, dimostrando che, anche se aveva 60 anni, aveva ancora la passione per le piante nata al ginocchio del padre all’età di sette anni.

Hooker si ritirò dal suo incarico a Kew nel 1885 ma continuò a lavorare sulla botanica fino alla sua morte nel 1911, all’età di 94 anni. È sepolto accanto a suo padre nel cimitero di St Anne su Kew Green. È stato proposto che venga sepolto nell’Abbazia di Westminster accanto al suo amico di sempre Charles Darwin. In vita Hooker era un difensore di Darwin, essendo stato infatti il primo confidente di Darwin per la sua controversa teoria in una lettera del 1844. Ma, da morto, si è pensato che avrebbe preferito essere sepolto vicino ai giardini di Kew, che sono la sua grande eredità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *